Il programma del Festival Il programma del Festival

Il programma centrale del Festival è progettato dagli organizzatori insieme al responsabile scientifico. Il programma partecipato è composto da incontri proposti agli organizzatori dalle case editrici e da altri enti/soggetti che se ne assumono la responsabilità. Il programma sul sito è costantemente aggiornato. Le variazioni rispetto al programma cartaceo sono riportate alla pagina variazioni, oppure sono consultabili presso i punti informativi nelle vie del centro, aperti nei giorni del Festival.

Per gli eventi segnalati con  è previsto un servizio di traduzione simultanea. Per gli eventi segnalati con  è prevista la trasmissione in diretta streaming sul sito web.  Gli spettatori presenti agli eventi acconsentono e autorizzano qualsiasi uso futuro delle eventuali riprese fotografiche, audio e video che potrebbero essere effettuate.

L’ingresso a tutti gli eventi è libero e gratuito fino ad esaurimento posti. Non è prevista la prenotazione. L'accesso agli eventi in programma al Teatro Sociale e all'Auditorium Santa Chiara avviene con voucher. Questi saranno distribuiti presso le biglietterie a partire da due ore prima dell'inizio di ogni evento.
Eventuali partecipazioni a pagamento vengono evidenziate nel programma.

29
15:30
inaugurazione
29
17:00

Inaugurazione della mostra sul decennale del Festival

a cura di Nunzia Penelope

I dieci anni che hanno cambiato il mondo, in un racconto che mette al centro l’economia. Immagini, dati, grafici, voci, testimonianze.

La mostra rimarrà aperta fino al 30 giugno con i seguenti orari:
dal 30 maggio al 2 giugno: dalle ore 9.00 alle ore 21.00;
dal 3 al 30 giugno: dalle ore 8.00 alle ore 18.00 sabato e domenica esclusi.

Palazzo Sardagna - Sede Rettorato Università di Trento
mostra
29
18:30

INET LECTURE. La grande frattura: nuove prospettive sulla disuguaglianza e su come ridurla

Gli Stati Uniti sono diventati uno dei paesi più disuguali del mondo. Contrariamente a quanto si dice spesso, anche l’uguaglianza delle opportunità è oggi più lontana negli Stati Uniti che in altri paesi avanzati. Le forze del mercato (tecnologia e globalizzazione) hanno giocato un ruolo importante in queste dinamiche. Ma la politica non ha fatto nulla per impedire l’esplosione delle disuguaglianze, un fenomeno tutt’altro che inevitabile.

introduce Tito Boeri

Auditorium Santa Chiara -
visioni
29
20:30

Una donna in carriera

regia di Mike Nichols
con Harrison Ford, Melanie Griffith, Sigourney Weaver
USA (1988)

La difficile carriera delle donne nel mondo della finanza rampante.

a cura di Marco Onado

Cinema Vittoria -
cineconomia
29
20:30

Alex Zanardi. La sfida della competizione sostenibile

La tecnologia abilita modelli economici basati sulla condivisione e sulla fiducia: ecco come coniugare il progresso sociale con idee di business innovative, per creare valore e ridistribuirlo alla comunità. Salute e benessere, cultura e istruzione, alimentazione e ambiente sono i temi rispetto ai quali l’innovazione accelera buone prassi. Il bando ‘Think for Social’ premia le idee di impresa e i modelli che si muovono in questa direzione. Storie e protagonisti dei progetti selezionati.

a cura di Fondazione Vodafone, in collaborazione con PoliHub

interviene Alex Zanardi
coordina Massimo Russo

MUSE - Museo delle Scienze
confronti
29
21:00

Per non fare economia di energia, interiore (risparmiare o risparmiarsi?)

Ogni tre minuti viene investito un cane: sempre lo stesso. Non fa in tempo a riprendersi che lo reinvestono... Non facciamo in tempo a riprenderci che ci reinvestono... Il capitale, il capitato, il bene, i beni, gli averi, gli esseri. Cosa ci conviene fare? Perché risparmiamo energie se dovremmo spenderne anche di più di quelle che abbiamo? Quanto ci costa? Qual è la base dell’economia? E l’altezza? C’entra la politica? O prima viene l’ante-politica? Un monologo sul tempo speso a non spenderci, tra gli stagni dei compartimenti, sotto il livello del male, ubriacati dalle categorie e dalle loro fallimentari separazioni, senza prescindere dall’arte e dalla poetica, per trascendere.

Intervento di Alessandro Bergonzoni

Teatro Sociale -
l'economia in scena