Comunicati stampa Comunicati stampa

"HAI MAI SUONATO UN'OPERA D'ARTE?"

Dal 22 maggio al 7 giugno nel centro storico di Trento nell'ambito del Festival dell'Economia
20 maggio - 11:00

GIORNALISTI IN FORMAZIONE AL FESTIVAL DELL'ECONOMIA

Le iscrizioni entro lunedì 25 maggio
13 maggio - 16:43

FESTIVAL DELL'ECONOMIA 2015: EVENTI DI FORMAZIONE PER I GIORNALISTI

Alcuni appuntamenti in programma rilasciano crediti per la formazione obbligatoria
08 maggio - 15:42

Concorso Economia, le scuole "rispondono": 148 le iscrizioni da 70 province d'Italia

Il Festival di Trento parla anche ai giovani
28 aprile - 10:40

Mobilità sociale Mobilità sociale

di Tito Boeri

Una delle cose più tristi delle rimpatriate dei compagni di classe delle elementari è scoprire che le differenze nei livelli di reddito sono rimaste le stesse: chi era ricco è rimasto ricco e chi era povero è rimasto povero. Le disuguaglianze dinamiche sono non meno importanti di quelle statiche. Conta non solo la distanza fra chi ha redditi più alti e chi li ha più bassi, ma anche la probabilità che quest’ultimo ha di colmare il divario nel corso della propria vita. Per molto tempo il grande gap presente fra il 20 per cento più ricco e il 20 per cento più povero della popolazione negli Stati Uniti è stato ritenuto socialmente accettabile perché presente in una società con forte mobilità sociale, con molte self-made persons e con l’obiettivo dichiarato, se non praticato, di garantire un’uguaglianza delle opportunità. Mobilità sociale significa che, anche se le disuguaglianze sono forti, è possibile, per chi si trova nella parte più bassa della distribuzione, guadagnare molte posizioni nella scala dei redditi. In realtà, gli studi più recenti, come riconosciuto anche da un rapporto del 2012 per il Congresso degli Stati Uniti, mostrano che l’aumento delle disparità sociali è andato di pari passo a una contrazione della mobilità sociale. E anche raccogliendo dati su disuguaglianze statiche e dinamiche fra paesi diversi, ci si accorge che dove ci sono maggiori disparità di reddito c’è anche meno mobilità sociale tra generazioni, una correlazione che, ironicamente, passa sotto il nome di curva del Grande Gatsby. Quando le disuguaglianze statiche si allargano troppo, quando il 10 per cento più ricco della popolazione ottiene il 50 per cento del reddito nazionale e fino al 70 per cento della ricchezza accumulata, come oggi avviene negli Stati Uniti, è difficile che la mobilità sociale possa coprire distanze così grandi..

Continua a leggere..

Pacchetto vacanza ed informazioni turistiche sulla città di Trento

Il Festival dell'Economia offre l'occasione per conoscere Trento, città rinascimentale nel cuore dell'Europa, ed il territorio che la circonda esaltato dalle produzioni tipiche d'eccellenza, ricco di luoghi d'arte e di storia